Centrale dei Rischi – Circ. 139 – 20° aggiornamento

Il 14 ottobre è stato pubblicato il 20° agg. della Circ. 139 che puntualizza alcuni aspetti in merito a Accesso ai dati da parte dei segnalati e false dichiarazioni, Destinatari della Disciplina di Centrale Rischi.

Casi particolari, Incorporazione di Comunicazioni precedenti nella Circ. 139.

  1. Accesso ai dati da parte dei segnalati e false dichiarazioni.

    Con riferimento ai dati contenuti nella Centrale dei rischi, i soggetti segnalati possono fare specifica richiesta alla Banca di accesso alle informazioni registrate a loro nome e distribuite agli intermediari partecipanti tramite i servizi della Centrale dei rischi, con il dettaglio dei singoli intermediari che hanno prodotto le segnalazioni secondo quanto previsto dal Decreto d’urgenza del Ministro dell’Economia e delle Finanze 663/2012. Le richieste di accesso possono essere presentate tramite la piattaforma Servizi online, disponibile sul sito della Banca d’Italia, anche identificandosi con identità digitale (SPID – Sistema Pubblico di Identità Digitale – o CNS – Carta Nazionale dei Servizi) oppure per posta elettronica certificata (PEC), posta ordinaria o consegna a mano.
    Le dichiarazioni false rese nella compilazione della richiesta di accesso ai dati della Centrale dei rischi, quale ad esempio la dichiarazione di una qualifica che non si riveste, sono di norma segnalate dalla Banca d’Italia alle autorità competenti (l’autorità giudiziaria e nei casi previsti l’Autorità Garante per la Protezione dei dati personali). In aggiunta, le dichiarazioni false rese nella compilazione della richiesta di accesso ai dati della Centrale dei rischi tramite la piattaforma Servizi online con modalità di autenticazione SPID/CNS comportano la sospensione per due anni dell’utenza SPID/CNS ai fini dell’accesso ai suddetti dati; decorso tale termine, in caso di ulteriori dichiarazioni false la sospensione diviene definitiva.

  2. Destinatari della Disciplina di Centrale Rischi. Casi particolari

    Le banche e gli intermediari finanziari sottoposti a liquidazione coatta amministrativa e a liquidazione volontaria partecipano alla Centrale dei rischi a fronte di una specifica disposizione della Banca d’Italia, ai sensi dell’art. 84, co. 3 e 96-quinquies, co. 4 del T.U.B., ove tale partecipazione si renda necessaria per le esigenze informative della Centrale dei rischi o per lo svolgimento delle operazioni della liquidazione.

  1. Incorporazione di Comunicazioni precedenti nella Circ. 139

    Nel 20° aggiornamento della Circ. 139 sono infine state recepite le indicazioni segnaletiche dettate con precedenti comunicazioni (ad esempio comunicazioni su moratorie Covid, scaduti, segnalazioni status sofferenze) e tutte le variazioni rispetto al precedente aggiornamento sono state evidenziate.

Per consultare la circolare completa https://www.bancaditalia.it/compiti/vigilanza/normativa/archivio-norme/circolari/c139/Circolare_139_20_agg.pdf?pk_campaign=EmailAlertBdi&pk_kwd=it